Formazione e Istruzione: facilitato il passaggio tra i percorsi di studio

La notizia è di qualche settimana fa e finalmente in Trentino la distanza fra Formazione Professionale ed Istruzione è stata notevolmente ridotta. Secondo la delibera della Giunta avvenuta il 1 Settembre scorso infatti, ora gli studenti in possesso di un diploma professionale potranno accedere all’esame di Stato dell’ Istruzione secondaria di secondo grado, attraverso 2 modalità: tramite frequentazione del corso annuale o attraverso l’effettivo passaggio ad un istituto di istruzione di secondo grado.

Si tratta di un notevole passo in avanti verso l’alta specializzazione che permettere di conciliare Formazione Professionale ed Istruzione a chi ha voglia di arricchire la propria esperienza manuale con la teoria, così da qualificarsi non solo per ruoli pratici ma anche per incarichi più prestigiosi nel medesimo ambito lavorativo.

In maniera sempre più marcata si è evidenziato il ruolo del sistema dell’Alta Formazione professionale, non solo quale percorso formativo di arricchimento dei Poli specialistici, ma anche come sviluppo verticale della filiera professionalizzante, quale valida alternativa alla formazione terziaria accademica, alla pari del sistema delle Fachhochschule (scuole di alta formazione applicata tedesche). In tal senso si è delineato progressivamente un percorso che prevede l’accesso all’Alta Formazione Professionale solo a seguito del superamento dell’esame di Stato dell’istruzione secondaria di secondo grado.

Le azioni approvate dalla Giunta per favorire con successo il passaggio dai diversi percorsi dell’istruzione e formazione professionale ai diversi indirizzi dell’istruzione secondaria si basano su cinque presupposti fondamentali:

  • accompagnamento assistito;
  • valorizzazione delle competenze acquisite nel proprio percorso di studi;
  • coprogettazione dei percorsi didattici integrativi;
  • colloquio finale;
  • misure di accompagnamento nel nuovo percorso di studio.

Le fasi e le modalità per realizzare la transizione dal quarto anno dell’istruzione e formazione professionale al quinto anno dell’istruzione secondaria di secondo grado prevedono:

  • la definizione del percorso volto a sostenere il passaggio;
  • l’organizzazione del percorso didattico integrativo;
  • la costruzione della cartella personale dello studente (portfolio);
  • il colloquio finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *